il pulmino riparte sabato 30 gennaio con alcune novità

il Pulmino riparte

Si ordina da sabato 23 gennaio fino a mercoledì 27, con alcune novità

Cari,
il Pulmino riparte
dopo la pausa di fine anno, sabato prossimo 30 gennaio ci sarà la consegna.

Questo periodo di pausa è iniziato il 17 gennaio per la necessità di rinnovare il Consiglio Direttivo dopo le dimissioni da parte dei vecchi componenti, presidente incluso, che gestivano e si impegnavano nella logistica.
Oltre a far ripartire la logistica, siamo nella necessità di cambiare magazzino, decisione presa da tempo e che l’attuale Consiglio Direttivo sta cercando di concretizzare rapidamente.

La volontà è quella di far ripartire la distribuzione in modo regolare il prima possibile, e questa del 30 sarà l’occasione per metterci alla prova, sperando poi di poter replicare per ogni settimana successiva.

Per non creare confusione o complicazioni seguiremo le procedure che venivano utilizzate precedentemente alla pausa quindi con ordini entro il mercoledì ore 20.

Ordina come sempre:

  • da sabato 23 gennaio ore 20
  • a mercoledì 27 gennaio ore 20

Per la consegna ci sono però due importanti novità:

  • consegniamo sabato e non venerdì, per la maggior disponibilità di volontari
  • paghiamo in contanti alla consegna

Il pagamento in contanti è una misura di ripiego temporanea, che verrà quanto prima superata, ed è dovuta alla difficoltà di gestione dell’attuale forma di pagamento con bonifico, già più volte esposta da chi fino a fine 2020 teneva i conti.

Non volevamo aspettare di avere tutto in ordine, ritenendo che la priorità fosse dare continuità negli acquisti, soprattutto ai produttori, alcuni dei quali contano espressamente sui nostri acquisti, e hanno programmato le semine per poterci fornire i loro prodotti, con essi si era fatto un patto che prevede il nostro impegno ad acquistare, disattenderlo ci sembra molto più grave che rischiare qualche disguido, anche a costo di un maggior impegno nella distribuzione; poi naturalmente c’è il desiderio di poter nuovamente assaporare i loro prodotti.

Contiamo sulla comprensione e sulle osservazioni che ogni socio vorrà fare, positive o critiche, dai ritardi, ai pesi dei prodotti, alla qualità, con la consapevolezza che non siamo consumatori in bottega, ma soci stretti da un patto di fiducia, e perché solo così, con la collaborazione di tutti potremo migliorarci, essere più informati, rendere più snella la distribuzione e trarre maggior piacere in quello che facciamo.